PodCast killed the WebRadio Star

Il mitico Bob Hope in chiave... modernaI tempi del mitico Bob Hope sono lontani, ma il Web sta alimentando un fenomeno che potrebbe riportare in auge l’ascolto anche fra chi e’ ormai abituato agli innumerevoli stimoli visivi della TV e dei nuovi media.
Non stiamo parlando delle Web Radio o del fenomeno ShoutCast, visto che lo streaming audio non sembra aver riscosso quel successo che la banda larga sembrava promettere (tanto e’ vero che si sono diffusi numerosi programmi per ‘catturare’ i flussi audio digitali e conservarli su disco per un ascolto successivo). Ne’ si parla, in questo caso, del Digital Audio Broadcast (DAB), che pur servendosi di tecnologie come l’MPEG vive al di fuori di Internet, e i cui dispositivi di ricezione non sono riusciti ad affermarsi come reale prodotto di consumo, nonostante le aspettative.
Continua a leggere

Aria di crisi

Un giovane disoccupato nell'America di una voltaGli annunci di licenziamenti, ristrutturazioni e outsourcing in aree con manodopera a buon mercato si infittiscono, soprattutto nel settore IT e dell’elettronica di consumo. La notizia dei licenziamenti programmati in HP (14.000 posti), rinverdita oggi da Punto Informatico, si affianca paurosamente a quella di Sony (10.000 posti entro il 2007) e di Siemens (2.400 posti entro i prossimi due anni). Le ristrutturazioni, invece, interessano sia grandi nomi come Microsoft (che ha deciso di ridurre la struttura dirigenziale a tre sole unità, sia aziende minori come Olidata, che prevede anche l’outsourcing per alcune attività. Il cosiddetto ‘posto fisso’ comincia sicuramente a diventare meno valido, nel lungo termine, rispetto alla flessibilita’ di chi si ‘arrangia’ lavorando in proprio e adattandosi ai mutamenti di mercato, particolarmente rapidi e imprevedibili nel settore IT.

Il cane in calore… USB

Dopo un post serioso e deprimente come quello che precede, credo sia ora di sorridere un po’, e quale migliore occasione di un bel filmato YouTube in cui ammirare uno dei gadget più inutili e divertenti mai partoriti dalla mente umana? Certo, avessero incorporato una memoria tipo pendrive (usando magari il movimento del cane per segnalare la lettura/scrittura al posto del solito LED) avrebbe venduto sicuramente di più, ma ci scommetterei che anche così venderà parecchio… e chissà quante batterie di notebook consumerà per il suo ludibrio elettromeccanico! :-)
PS Notate la finezza dell’effetto ‘censura’… questo YouTuber è un genio!

WordPress e il podcasting

Sembra che il podcasting, di cui abbiamo gia’ parlato qualche giorno fa, stia per arrivare anche nei blog creati con WordPress, e c’e’ chi (come Chris J. Davis) ha addirittura voluto fornire qualche utile consiglio su come inserire parti audio con l’ausilio di semplici software gratuiti disponibili su varie piattaforme. Anche se non conoscete l’inglese, i link sul suo blog vi permetteranno comunque di ascoltare il podcast dimostrativo e scaricare i programmi consigliati.

Microsoft assume il creatore di Gentoo Linux

L'ombra di Microsoft su LinuxVolete leggere una notizia inquietante? Certo, dopo quella del matrimonio a sorpresa Apple-Intel, e’ un po’ difficile rimanere sorpresi da altri annunci, eppure quella di Microsoft che recluta Daniel Robbins, il fondatore della nota distribuzione Linux Gentoo mi lascia personalmente con un senso di men che vaga inquietudine. Se poi a parlarne e’ The Inquirer o The Register, ci si sente ancora meno tranquilli. Il motivo ufficiale di questa assunzione e’ che Robbins dovrebbe aiutare l’azienda di Gates a ‘capire meglio l’Open Source’. Voi che ne dite?

Beppe Grillo, eroe del Nuovo Millennio

Il grande Beppe Grillo, eroe italiano del Nuovo MillennioPer me che, come tanti altri della mia età, sono cresciuto guardandolo e ascoltandolo nei suoi spettacoli cabarettistici di molti anni fa, leggere il suo blog e lasciarsi coinvolgere nella foga delle sue battaglie contro ingiustizie, soprusi e lobotomizzazione popolare nel nostro martoriato Paese è qualcosa di nuovo e sconvolgente. Beppe Grillo, il piccolo ma esplosivo (ex)comico genovese conduce, sul Web (e, quando occorre, sul campo) le sue/nostre battaglie per fare luce su tutto ciò che non va in Italia, e i numerosi commenti ai suoi post sono un chiaro segno di coinvolgimento da parte dei connazionali. Ma noi italiani siamo un popolo strano, scendiamo in strada a fare danni (e vittime innocenti) per una partita di calcio mentre ci lasciamo abbindolare nei centri commerciali (guardate il video, c’è cascato anche un mio amico in questa trappola!) o paghiamo una tassa come quella del canone televisivo. Su quest’ultima, poi, ci sarebbe da dire tanto. Per esempio, se non è più un abbonamento alla RAI perché non ne riscuote una parte anche tutta l’altra emittenza nazionale? Oppure, se doveva servire a coprire gli investimenti di una televisione senza pubblicità, perché esiste ancora oggi che i canali RAI sono infestati quanto e come gli altri di spot e sponsorizzazioni di ogni genere? E ancora, perché non posso escludere la visione dei canali nazionali in quanto abbonato SKY, con un’oscuramento totale degli stessi sulla mia card satellitare? O, in caso contrario, perché non dare a Murdoch una parte del canone/tassa e offrire il relativo sconto agli abbonati SKY? Perché? Perché?!?! Beppe, non mollare, può darsi che noi Pinocchi del Bel Paese riusciremo a sentire sempre più forte il canto del Grillo, la nostra Coscienza Nazionale, e ci decideremo finalmente a reagire sul serio con un bel RESET!!!

Apple-Intel: la conferma!

Una svolta epocale. Non credo sia possibile descrivere con parole diverse l’annuncio che Jobs ha appena dato al WWDC di San Francisco, confermando quelle che fino a ieri erano solo voci (vedi il post precedente).
Le implicazioni sono tante, ma credo che la piu’ interessante sia la possibilita’, non supportata ma neanche smentita, che sulle future macchine Apple possa girare anche Windows, non piu’ grazie a un emulatore software ma per la natura dello stesso hardware. Potrebbe essere lo ‘switch’ definitivo e l’upgrade per tutti coloro che ancora non avevano avuto lo slancio per saggiare il sistema operativo del Mac (provate a immaginare quanti continuerebbero a far girare Windows su un computer che puo’ ospitare di serie Panther).
Per tutti i succosi dettagli vi rimando, ovviamente, al sito italico Apple per eccellenza: Macity. C’e’ anche chi, come MyTech di Mondandori, ha lanciato un sondaggio fra gli utenti Mac per coglierne le reazioni alla notizia.

Apple-Intel: la verita' e' vicina?

Leggeremo 'Intel inside' anche sui Mac?Le voci su imminenti rapporti commerciali fra Apple e Intel si fanno sempre piu’ insistenti, fino a coinvolgere nella corsa alla proiezione di scenari possibili anche siti Web di un certo livello come quello di ZDNet e CNet.
Si parla ormai di un annuncio ufficiale, programmato per domani nel corso della Worldwide Developer Conference di Apple, e della possibilita’ che Apple cominci a produrre modelli a basso costo (come il Mac mini) dalla seconda meta’ del 2006 e modelli di fascia alta dalla seconda meta’ dell’anno successivo.
Difficile ipotizzare le ragioni che potrebbero spingere l’azienda di Cupertino verso questo nuovo rapporto commerciale con un produttore di hardware da sempre identificato come ‘avversario’, con un inevitabile e progressivo abbandono del rapporto con IBM, che dura dal 1994.
Non ci resta che aspettare e scoprire se le ipotesi corrispondono a realta’.

Usare WP per creare un sito

Dovendo lavorare alla creazione del sito ufficiale per MediaMagic (l’agenzia di servizi e comunicazione che ho creato di recente e in cui spero di coinvolgere pian piano tutti voi vhe mi conoscete e che avete gia’ avuto modo di lavorare insieme a me) sono andato a caccia di una soluzione che permettesse di costringere WordPress a usare come ‘home page’ una pagina invece dell’elenco dei post.
La ricerca e’ stata fruttuosa, infatti mi sono imbattuto nel plug-in “Static front page” presentata sul sito di Semilogic.
Esiste anche un’altra soluzione, i cui dettagli sono raggiungibili dalla stessa pagina di WordPress Support. Oppure, come scoprirete leggendo i dettagli stessi, si potrebbe creare addirittura una pagina home.php contenente cio’ che si vuole visualizzare, appunto, sulla nuova ‘home page’ del sito. Magari volete documentarvi un po’ sulle pagine di WordPress, prima di tentare un simile approccio: in tal caso leggete la documentazione ufficiale.
Il passo successivo, ovviamente, e’ stato quello di modificare il Main Template (index.php) per eliminare le voci tipiche del post (data, autore, link ai commenti, ecc.).
Resta da riorganizzare e cambiare i link del menu laterale, e il tutto dovrebbe assumere l’aspetto di un vero sito…

La guerra in Iraq profetizzata in un film?

Qualcuno, sul Web, ha individuato in una scena del film Il Settimo Viaggio di Simbad, le frasi che dovrebbero profetizzare il conflitto in Iraq e la distruzione di Baghdad. Per curiosità sono andato a rivedermi la scena in questione (sono un fan del grande Harryhausen, che è anche stato da queste parti per le riprese di Giasone e gli Argonauti e per quelle di Scontro di Titani, negli anni Sessanta, quindi colleziono i suoi film e li rivedo con piacere), e devo dire che fa un certo effetto sentir parlare di grande distruzione, guerra e morte riguardo alla capitale irachena. Qui sotto trovate il filmato originale, la cui traduzione (nella versione italiana) della parte cruciale è la seguente: Il mio spirito osserva ciò che deve accadere nel tempo che verrà [...] Io vedo delle orrende sciagure. [...] Io vedo morte, macerie e tanto sangue, e la popolazione affamata. Io vedo… guerra! Guerra spaventosa fra Baghdad e Chandra. Le parole della traccia inglese originale parlano anche di grandi edifici che crollano, un particolare scomparso nella traccia italiana. Ovviamente, se si riflette sull’origine della storia (Le Mille e una Notte), sugli eventi bellici del passato e sulle varie conquiste e dominazioni da parte di popoli stranieri, possiamo dire che la profezia presentata nel film è piuttosto facile, giusto?